DA GIOVANE - CERIPE SICILIA

Vai ai contenuti

Menu principale:

DA GIOVANE

RIFLESSIONI
 
 

C’è una cosa che ho notato nei miei cinquantuno  anni di

vita, ed è che ovunque guardo sembra che la vita abbia

un solo chiaro scopo: oltre a divertirci, siamo chiamati

a imparare il più possibile.

Più invecchiamo, più dovremmo aver imparato sulla  vita,

si presume, ma a volte non è così. Alcuni hanno

trent'anni di  esperienza, altri ne hanno solo uno ma

ripetuto trenta volte.

Che noi siamo consapevoli degli eventi della nostra vita

o no, è sempre più evidente che è possibile cambiare

qualsiasi cosa su cui concentriamo  la nostra

consapevolezza.

Il messaggio è semplice: questa vita è il dono di una

forza superiore e noi siamo la sua espressione. Potremo

cambiare tutto quello che vediamo, udiamo, sentiamo,

gustiamo e odoriamo. Con ogni nostro pensiero, con ogni

parola e con ogni azione restituiremo il dono.

Non è importante che cosa ci accade, bensì quello che

ricaviamo da ogni  evento, e quello che essi c'insegnano

su chi siamo davvero.

La vita è un ricco banchetto di opportunità che ci

circondano,  ma per qualche strano motivo un sacco di

persone sembra soffrire la  fame.

Se la vita è come essere a scuola, allora forse il

programma da completare in classe consiste nel provare

nuove esperienze e nuove emozioni. Il solo modo per farlo

è essere completamente e totalmente "coinvolti" da ogni

cosa e da ogni persona.

Dobbiamo essere coinvolti con il nostro modo di essere

con le nostre idee di successo e di fallimento, coinvolti

nello scoprire la finalità delle cose che facciamo e delle

persone di cui ci circondiamo, forse addirittura delle

attività in cui ci stiamo impegnando.

Essere coinvolti significa essere davvero "consapevoli".

Qualsiasi forma di attività in cui c'impegniamo su questo

pianeta sembra avvicinarci sempre di più a una strategia

quotidiana che ci permette di vivere il successo e la

felicià. Non è questa la parola chiave: felicità?

Noi siamo creature  che sanno auto-correggersi e

migliorarsi? Sapremo modificare questa situazione?

Siamo capaci di lenire il dolore e trasformarlo in

energia piena? Si! Se sappiamo cogliere  l'opportunità di  

guardare oltre la superficie degli attributi fisici,

delle convinzioni e persino delle emozioni per entrare in

contatto con quella  parte che è in ciascuno di noi,

quella che è nel cuore del nucleo  spirituale della vita,

di tutta la vita.

" Ciò che sta dietro di noi e ciò che sta dinanzi a noi  

è pochissima cosa rispetto a ciò che si trova dentro di

noi."
 
Ralph Waldo Emerson

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu